Home In Evidenza Lavoro, aumento di dimissioni in Italia

Lavoro, aumento di dimissioni in Italia

47
0

Il ministero del Lavoro ha pubblicato i dati sui rapporti di lavoro nel secondo trimestre del 2021. A fronte di una crescita tendenziale delle cessazioni (+43,7%), le attivazioni sono risultate comunque superiori (+64,5%), così come l’aumento tendenziale dei lavoratori cessati (+27,9%) è più basso di quello dei lavoratori attivati (+48,8%).

Tra aprile e giugno c’è stato comunque un incremento delle cessazioni che ha fatto registrare 2 milioni 587mila chiusure dei rapporti lavorativi, con un +786mila unità, rispetto allo stesso trimestre del 2020.

I rapporti di lavoro cessati hanno interessato entrambe le componenti di genere, in tutto il territorio nazionale, mostrando un tasso di variazione superiore nel Centro (+69,1%, pari a +275mila) rispetto a quello registrato al Nord (+39,3%, pari a +298mila rapporti) e nel Mezzogiorno (+33,2%, pari a +213mila).

Su un totale di 2,5 milioni di contratti cessati, si sono registrate 484mila dimissioni, di cui 292 mila da parte di uomini e 191 mila da parte di donne.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui