Home Economia IL PARADOSSO DELL’EX EQUITALIA

IL PARADOSSO DELL’EX EQUITALIA

696
0

Oggi vi parliamo di un Ente Parastatale che ha creato grandi disagi al mondo imprenditoriale e non: l’ ex Equitalia, ora Agenzia delle entrate – Riscossione .

Lo scopo di Equitalia

Lo scopo dell’ Agenzia delle entrate è quello di richiedere i pagamenti arretrati a chiunque abbia contratto un debito contributivo con lo Stato.

Le cartelle esattoriali possono arrivare a chiunque: imprenditori con milioni di Euro di debito e privati cittadini che hanno avuto, per un motivo o per un altro, un momento di difficoltà.

La Rottamazione

Parallelamente al lavoro di riscossione, esiste da anni un sistema di rottamazione delle cartelle Equitalia. Con questo istituto il contribuente in difetto può mediare sul proprio debito e addivenire a un accordo con l’Agenzia per la riduzione o la rateizzazione dello stesso.

Il Paradosso

Il problema dell’Agenzia delle entrate e del suo lavoro di riscossione è che non esiste una singola persona che non abbia mancato un pagamento. In un Paese come l’Italia, con una pressione fiscale tra le più alte, con pochi sgravi per le imprese e con un alto livello di disoccupazione, i fenomeni di evasione si moltiplicano inesorabilmente. Non puoi chiedere ad un imprenditore di essere sempre in regola con i conti, se non glie ne dai modo.

La soluzione

Solving SRL combatte da anni le ingiustizie del sistema “Equitalia”. La crociata contro chi vuole affossare l’imprenditoria italiana va avanti ininterrottamente. Solving ha contribuito al risanamento di centinaia di aziende e liberi professionisti, vittime di un sistema perverso di riscossione.

Non è più sostenibile, in Italia, lavorare in proprio senza un consulente finanziario e aziendale, a meno che non si voglia incorrere nelle ire del “padrone”. Solving SRL e il suo Presidente Alessandro Fucci garantisce uno scudo , per i lavoratori, che protegge dai colpi della malagiustizia italiana.

Chiama subito per una prima consulenza gratuita: 0823-484043

Qui articoli aggiornati su Economia,Politica,Imprese

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui