Home Cronaca Rocco e la giornalista

Rocco e la giornalista

159
0

Sembra il titolo di uno dei tanti film xxx con protagonista Rocco Siffredi, invece è una vicenda giudiziaria che riguarda una giornalista dell’ADNKronos, Alisa Toaff, la quale ha presentato denuncia per molestie sessuali a causa di alcuni messaggi via cellulare ricevuti dall’attore-regista hard.

Come al solito, sono scoppiate le polemiche.

Non si conosce ancora il contenuto delle frasi usate dall’attore. La giornalista lo aveva precedentemente intervistato.

Con tutto il rispetto verso le donne alle quali il sottoscritto ha sempre espresso il proprio sostegno riconoscendo la grandezza e la meraviglia dell’universo femminile, sembra che si stia cadendo nel ridicolo.

La prima volta che conobbi le gesta del Siffredi nazionale, fu per merito di un amico(grazie Rosario) che a 15 anni mi prestò una videocassetta con la quale dare sfogo agli istinti (più che naturali) onanisti di adolescente. Ho sempre avuto ammirazione per Siffredi, aldilà delle gesta priapiche che lo contraddistinguono, si è sempre mostrato come una persona affabile, sensibile ed ironica. Qualcuno anni fa propose anche una sua “entrata”(!) in politica. E giù a ridere con le battutine:” meglio un politico che fXXXe le donne anziché uno che fXXXe l’intera nazione”. E forse sarebbe stato meglio così. Ma i tempi evolvono giustamente in ragione della dignità delle donne, e una figura come Siffredi, può diventare non solo scomoda, ma anti-paritaria.

Sia chiaro che la Dott.ssa Toaff ha la mia più piena solidarietà. Però mi sorge un dubbio. Era necessario dare il proprio numero all’attore più infoiato d’Italia? La Toaff è consapevole che oltre ad essere una brillante e intelligente giornalista è anche una bellissima donna? E che questo ovviamente, come si dice nel più classico dei casi, è miele per le mosche? Sta di fatto che ormai non si sa più come approcciare con l’altro sesso, forse ci vorrà una domanda in carta bollata o forse anche un semplice sorriso o occhiolino sarà frainteso come molestia. Fortunatamente il sottoscritto mantiene un voto(non religioso) di castità più che decennale, e non intendo romperlo, nemmeno per Afrodita Atanata incarnata.

Vedremo quali saranno gli sviluppi della vicenda, ma temo che per Rocco questa volta sarà un momento “duro”(!).

Mala tempora occurunt, eccome!

Rocco ha lanciato un appello video su Instagram: 

“Ragazzi, ho un messaggio importante da darvi, veramente importante. Se mi volete bene dovete fare quello che vi chiedo: smettetela di insultare la giornalista con la quale ho questa problematica, chiamiamola incomprensione. Vi chiedo di non insultarla, di non minacciarla e soprattutto di rispettare la sua natura, la sua persona”. “E’ una donna, abbiamo avuto un problema, è un problema nostro che risolviamo – prosegue Siffredi – però vi chiedo veramente di cuore, se mi amate, se mi rispettate come so che fate, non insultatela, non mancatele di rispetto. E’ la cosa che vi chiedo veramente di più col cuore. Ok? Grazie”.

La giornalista merita rispetto. Forse all’ADNKronos avrebbero dovuto immaginare che mandare a intervistare una donna così bella e intelligente avrebbe potuto creare alcuni impacci successivi. Per usare una metafora, è come mandare un agnellino davanti a una tigre. Almeno Siffredi ha avuto la gentilezza di fare questo appello e non rimanere in silenzio. E questo dimostra che oltre ad essere un uomo macho, è anche un uomo responsabile. Se ha sbagliato, pagherà come giusto che sia.

Detto questo, anche io faccio un appello a voi uomini. Siate sempre gentili con le donne, non siate sfacciati, volgari, insistenti. Rispettate la Donna, perché è da lì che venite, dal più sacro tempio della Vita, e benché ancora non si facciano avanti generazioni nuove di uomini educati e rispettosi, vi prego di essere coscienziosi. Anche perché rischiereste una denuncia.

Donna Vita Libertà.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui