Home Cronaca Truffa da 1,5 miliardi, l’intercettazione del commercialista casertano

Truffa da 1,5 miliardi, l’intercettazione del commercialista casertano

214
0

Truffa sui “Bonus Edilizi”, riciclaggio, emissione di fatture per operazioni inesistenti.

Sono queste le accuse nei confronti di una 10 persone finite nel mirino della guardia di finanza di Asti nell’ambito dell’operazione “Capisci ammè” che ha portato al sequestro di beni per 1,5 miliardi di euro. 

Fulcro dell’inchiesta un commercialista residente a Mondragone e con studio al Vomero. I primi passi delle investigazioni del Nucleo di Polizia Economico – finanziaria di Asti, sul corretto utilizzo dei crediti fiscali per “Bonus edilizi”, sono partiti da una segnalazione del Nucleo Speciale Entrate della Guardia di Finanza di Roma. L’indagine scattata tra agosto e settembre 2022, con l’analisi di banche dati, indagini bancarie, intercettazioni telefoniche e sopralluoghi, sotto il coordinamento della Procura della Repubblica di Asti, ha permesso di svelare la costituzione e cessione di ulteriori e più cospicui crediti di imposta sospettati di falsità.

Il prosieguo ha rivelato i tratti di una truffa, ordita da una compagine in parte radicata ad Asti e con proiezioni principali in Campania e Veneto, che vede coinvolte 37 persone e 68 tra ditte e società. Il sodalizio farebbe capo a 17 persone, cittadini albanesi e italiani, dediti alla commissione, nel periodo 2021 – 2022, di una serie di frodi, riciclaggio, auto-riciclaggio e reati tributari; partendo dall’emissione di false fatturazioni per decine di milioni di euro, utilizzate non solo per documentare al fisco lavori edili mai realizzati, ma anche per riciclare proventi dell’illecita attività.

Caserta News

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui