Home Cronaca Depistaggi sulla morte di Borsellino, chieste le condanne per 3 poliziotti

Depistaggi sulla morte di Borsellino, chieste le condanne per 3 poliziotti

48
0

Il procuratore di Caltanissetta Salvatore De Luca e il pm Stefano Luciani hanno chiesto la condanna a 11 anni e 10 mesi di Mario Bo e a 9 anni e 6 mesi ciascuno di Fabrizio Mattei e Michele Ribaudo, i tre poliziotti imputati davanti al tribunale di calunnia aggravata dall’aver favorito Cosa Nostra.

 I tre ex appartenenti al pool investigativo “Falcone-Borsellino”, diretto dal questore Arnaldo La Barbera, morto nel 2002, sono accusati di aver costruito a tavolino falsi pentiti, inducendoli a mentire, per depistare le indagini sulla strage di via D’Amelio, nella quale persero la vita il giudice Paolo Borsellino e gli uomini della sua scorta. Per tutti è stata chiesta l’interdizione dai pubblici uffici.

“La sparizione dell’agenda rossa, se sparizione c’è stata, non fu di interesse di Cosa Nostra ma da collegare a interessi estranei”. Si è concentrato sui “misteri” riguardanti l’agenda rossa e la borsa del giudice Paolo Borsellino il pm Stefano Luciani che nel pomeriggio, prima delle richieste di condanna, ha concluso la sua requisitoria. “La borsa di colore scuro di Paolo Borsellino giace per mesi sul divano di Arnaldo La Barbera. Fino alla data del 5 novembre del 1992 non è mai acquisita perché manca un verbale di sequestro”. Il riferimento di Luciani è al funzionario di polizia a capo del gruppo della Squadra Mobile “Falcone-Borsellino, istituito per fare luce sulle stragi di Capaci e via D’Amelio. “Una evidenza importante però – continua Luciani – arriva dalla deposizione resa in questo processo, e nel Borsellino Quater, dalla dottoressa Lucia Borsellino. Dice in sintesi che alcuni mesi dopo la strage La Barbera si recò dalla signora Angese Piraino per consegnarle la borsa del marito. Fu Lucia Borsellino ad accorgersi che mancava l’agenda rossa e a chiedere spiegazioni al dottore Arnaldo La Barbera, il quale chiuse il discorso dicendo che non c’era nessuna agenda rossa da restituire”. “A quel punto infastidita da questo atteggiamento – continua il pm – si allontanò dalla stanza sbattendo la porta e La Barbera disse alla signora Piraino che la ragazza aveva bisogno di supporto psicologico perché delirava. Arnaldo La Barbera che era colui che depistò le indagini con dichiarazioni di falsi collaboratori fu anche colui che negò dell’esistenza dell’agenda rossa di cui gli venne chiesto conto nell’immediatezza dei fatti”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui