Home Economia Finto malato : la GDF lo scopre

Finto malato : la GDF lo scopre

48
0

Patologie invalidanti che non gli permettevano di fare l’operatore scolastico(il bidello), mansione per la quale veniva pagato, ma che invece non gli impedivano di fare il broker d’auto impegnato anche in trasferte.

   È la storia di un bidello calabrese che è riuscito a lavorare solo 9 giorni in tre anni in scuole del Friuli, percependo tuttavia l’importo completo dello stipendio.

   L’uomo, un40 enne, da tre anni faceva la spola con il Friuli Venezia Giulia: rispondendo positivamente all’interpello di istituti in cerca di collaboratori scolastici per incarichi annuali, prendeva servizio salvo presentare, allo scadere del terzo giorno, un certificato medico che attestava insufficienza renale grave e psoriasi dermatoide.

I dirigenti – sulla scorta di certificati medici redatti da professionisti compiacenti, cinque in tutto, denunciati dalla Finanza – non potevano che prendere atto e nominavano un supplente.

   Il bidello cagionevole tornava invece in Calabria dove svolgeva, senza autorizzazione, attività di broker nel noleggio auto a lungo termine, spostandosi in Italia e all’estero. Per lavoro, ma anche per piacere.

   La truffa ha funzionato per tre anni scolastici: l’uomo cambiava puntualmente istituto, pur restando nel Friuli Occidentale. E negli anni ha intascato oltre 40mila euro dal ministero dell’Istruzione.

   I dirigenti dell’Itst Kennedy e dell’Isis Zanussi di Pordenone, e dell’Ipsia Torricelli di Maniago, non avevano modo di percepire l’illecito, poiché la malattia era regolarmente certificata. Unico indizio era l’improvvisa “guarigione” in coincidenza con l’assunzione in servizio, nei primi giorni di settembre, all’inizio di ogni nuovo anno scolastico. Fino a quando tra i presidi è cominciato a circolare un sospetto per quel bidello e per i suoi presunti gravissimi problemi renali.

   A quel punto è partita la segnalazione agli organi scolastici competenti e ai Finanzieri, che hanno scoperto che l’assenteista, una volta ritornato al paese d’origine, nella provincia di Reggio Calabria, grazie ai falsi certificati medici non doveva nemmeno prestarsi alla visita fiscale, percependo l’intero importo della retribuzione – e della disoccupazione nei mesi estivi – e continuando inoltre ad accumulare punteggio per l’avanzamento in graduatoria.

   La perquisizione della sua abitazione, disposta dalla Procura di Pordenone, ha permesso di rinvenire e sequestrare, oltre a documentazione sul doppio lavoro, anche 300mila euro in contanti, ritenuti provento dell’attività effettivamente esercitata. 

Un plauso ai presidi e alla GdF per aver scoperto questa frode.

(Fonte:ANSA)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui