Home Cronaca Alessandra Mussolini aggredita

Alessandra Mussolini aggredita

22
0

“Sono stata aggredita in pieno centro a Strasburgo, picchiata con una stampella in testa e in varie parti del corpo, insultata, sono sconvolta”. A raccontarlo con tono concitato all’Adnkronos è Alessandra Mussolini, che ripercorre telefonicamente l’episodio di cui è stata vittima in pieno centro della città francese mentre si recava in un ristorante per cena.

“Era appena finita la seduta del Parlamento europeo, io stavo camminando per strada accompagnata dal mio assistente, indossavo un cappuccio perché fa freddo -racconta la parlamentare europea-. Ad un certo punto un tizio sui 40 anni è spuntato dal nulla: era italiano, lo so perché ha cominciato a insultarmi violentemente, diceva ‘Mussolini pezzo di m…., fascista, e altre cose del genere”. A quel punto, l’uomo “si è avvicinato, era armato di un bastone, una specie di stampella, e ha cominciato a darmi addosso, sull’orecchio, sulla testa, sulla schiena, alle spalle“, racconta la Mussolini.

La parlamentare non ha riportato ferite gravi, ma è rimasta sotto shock: “Io sono stravolta, incredula -spiega- Uno non se lo aspetta, così in centro, a Strasburgo, è assurdo”, scandisce. “Non riuscivano a fermarlo perché era una furia”. L’episodio, secondo la Mussolini, è di matrice politica: “Mi ha riconosciuto ed è scattato, colpendomi forte da dietro, pronunciando parolacce di tutti i tipi sul nome ‘Mussolini’ e minacciando di ammazzarmi”. La Mussolini spiega che non è la prima volta che viene fermata con epiteti poco gradevoli, ma “è la prima volta che accade un episodio così forte, non erano mai riusciti ad arrivare ad aggredirmi fisicamente. Sono sconvolta, perché c’è un clima di violenza che mi preoccupa moltissimo”.

E spiega: “Io la scorta non l’ho mai avuta, non l’ho mai voluta, quindi è una cosa orrenda perché ti senti proprio ferita”. La parlamentare non sporgerà però denuncia. “E contro chi? Ora me ne vado in albergo e la chiudo qui. Ma sono avvilita, sono molto amareggiata”. Più per lo spavento che per i dolori, spiega: “Ho riportato giusto qualche ferita per le botte che m’ha dato sull’orecchio che mi fa male, e sulla testa, ma ringraziando Dio mi ha solo sfiorata sulle spalle e sul braccio. Mentre mi colpiva mi sono piegata in avanti con la testa, ti viene d’istinto. Ma la ferita è più l’amarezza, non posso ancora crederci”, conclude.

Gentile Signora, purtroppo con l’onere del suo cognome e con il suo passato/presente politico doveva aspettarselo, prima o poi. Strano che sia capitato a Strasburgo e non in Italia. Ad ogni modo, mi dispiace per Lei, le donne, come dice il mio collaboratore Nicola Gallo, non si toccano nemmeno con un fiore, al massimo lo si regala( optando per una orchidea, magari).

La invito ad essere guardinga in futuro, come tutti noi poveri mortali.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui