Home Comunicati Stampa GLI AFFARI SPORCHI DEI NO-VAX

GLI AFFARI SPORCHI DEI NO-VAX

565
0

E’ di ieri la notizia di un Medico che , andando contro il codice deontologico e contro le prescrizioni governative, ha rilasciato dei green pass sulla base di vaccinazioni mai avvenute a esponenti No-Vax .

I FATTI

Il Resto del Carlino ci illustra le dinamiche dell’accaduto:”  Dalle indagini è emerso che i primi di ottobre l’uomo aveva ritirato 15 flaconi di Pfizer per 90 dosi circa: di questi, 13 flaconi anziché utilizzarli per inoculare il vaccino, li aveva sfruttati – prosegue l’accusa – per certificare falsamente di avere vaccinato i pazienti, rendendo i lotti inutilizzabili perché conservati a temperatura ambiente” .

Non si tratta solo di un comportamento immorale e illegale, ma di un’ostruzione vera e propria della campagna vaccinale.

L’inchiesta era scattata da un esposto del 6 ottobre alla Procura di Belluno, città dalla quale erano partiti il padre no-vax e la figlia per la gita al mare.” continua Il Resto del Carlino ” La minore, da esami clinici, non risultava avere sviluppato anticorpi: ciò aveva messo in allarme la madre convinta sostenitrice del vaccino e separata da anni dal padre.”

Subito dopo la seconda dose iniettata , forse, alla ragazza, nelle tasche del dottor Mauro Passarini sono stati trovati 1500€ in contanti. Sono stati attivati gli Enti preposti per controllare i pazienti vaccinati dall’inquisito.

LA NOSTRA POSIZIONE

Aslimitaly news , come piattaforma informativa, non può che schierarsi contro questi atti irresponsabili. Non è tollerabile arrogarsi il diritto di rallentare volontariamente un processo di guarigione e prevenzione collettiva. Un professionista sanitario dovrebbe agire per il bene dei propri pazienti e non per il proprio tornaconto.

NON E’ UN CASO ISOLATO

Non bisogna fare l’errore di credere che questo individuo sia un caso isolato. Durante questi mesi difficili abbiamo assistito a diversi “stratagemmi” : minacce, documenti falsi rilasciati da persone sconosciute su Telegram, pressioni politiche. Non c’è da stupirsi quindi che si verifichino episodi del genere. In questo clima di instabilità sociale i malintenzionati si infiltrano facilmente. Basti pensare alla rivolta avvenuta davanti alla sede della CGIL di Roma. In quel caso ci furono infiltrazioni neofasciste che fecero riscaldare ancor’di più gli animi. Il “Dottor” Passarini è solo l’ultimo esempio di una lunga, lunghissima serie di avvoltoi. I No-Vax hanno il diritto di esprimere la loro opinione, ma non di infrangere la Legge.

Qui articoli aggiornati su Economia,Politica ,Imprese

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui