Home Economia Conto cointestato, l’Irpef non perdona

Conto cointestato, l’Irpef non perdona

255
0

Il denaro versato sul conto cointestato non appartiene anche all’altro coniuge e, pertanto, è soggetto a Irpef quando viene indebitamente prelevato dal partner.

È quanto affermato dalla Corte di cassazione che, con l’ordinanza n. 25684 del 22 settembre 2021, ha respinto il ricorso di un uomo che aveva ricevuto un accertamento sui soldi presi dal conto cointestato con la moglie ma da lei sola versati.

In altre parole, hanno spiegato gli Ermellini con questa interessante motivazione, il denaro è di entrambi solo se viene provato quello i latini definivano «l’animus donandi». E cioè la volontà di chi versa di fare un regalo al partner.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui