Home Cronaca Difficile mestiere quello del tabaccaio: assurdità burocratiche

Difficile mestiere quello del tabaccaio: assurdità burocratiche

30
0

Quello che vedete in foto(sopra) è una assurdità cui devono sottostare i rivenditori di tabacchi. E’ una informativa che devono personalmente porre sulle confezioni di “ricariche” di una determinata marca di sigarette di nuova generazione. La mancata affissione comporterebbe per l’esercente una ingente sanzione pecuniaria. Si tiene a evidenziare che il prodotto in questione contenga parti metalliche taglienti e quindi pericolose se “maneggiate” impropriamente.

Che gli esercenti siano tenuti a non vendere prodotti di tabacco o servire prestazioni ludiche d’azzardo ai minorenni, è fuor di dubbio. Ma che debbano porre riparo ad una mancanza di un produttore, è totale assurdità.

Posto che fumare sia dannoso per la salute e che i Monopoli guadagnino miliardi di euro, è cosa nota. Ma questa assurdità rappresenta il non plus ultra dell’idiozia che circola in Italia.

Dopo il tappo “solidale” adesso anche l’informativa postuma da apporre sulle sigarette termo-riscaldate.

Cosa ci sarà in futuro? Potrebbero inventare il collo di bottiglia di birra intelligente che rileva il tasso alcolemico soffiandoci dentro, perché no?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui