Home Economia Bonus prorogati, bonus al giro di boa

Bonus prorogati, bonus al giro di boa

50
0

Bonus internet prorogato fino a dicembre 2023

La misura, si legge sul sito del ministero delle Imprese e del Made in Italy, prevede l’erogazione di contributi per sostenere abbonamenti a internet ultraveloce. Le tipologie di voucher a disposizione sono quattro, per un contributo che arriva fino a 2.500 euro.

La Commissione Europea ha approvato la proroga del cosiddetto Bonus Internet per tutto il 2023: gli operatori del settore telecomunicazioni potranno attivare i voucher fino al 31 dicembre 2023 .

La misura, si legge sul sito del ministero delle Imprese e del Made in Italy, prevede l’erogazione di voucher connettività per abbonamenti a internet ultraveloce.

È rivolta a micro, piccole e medie imprese e alle persone fisiche titolari di partita Iva che esercitano, in proprio o in forma associata, una professione intellettuale (articolo 2229 del Codice civile) o una delle professioni non organizzate (legge 14 gennaio 2013, n. 4).

Bonus mobili: nel 2022 termina tetto a 10mila euro per le spese, si scende a 5mila

Restano solo pochi giorni per chi ha intenzione di usufruire del bonus mobili per intero: dal primo gennaio 2023 il plafond di spesa detraibile scenderà dagli attuali 10mila a 5mila euro. Non solo: nel 2022 si chiuderà anche la possibilità di usufruire del bonus per chi ha iniziato gli interventi di recupero del patrimonio edilizio dal primo gennaio 2021. Per gli acquisti che verranno effettuati nel 2023, infatti, il bonus mobili dovrà essere agganciato a interventi iniziati a partire dal primo gennaio 2022.

Restano solo pochi giorni per chi ha intenzione di usufruire del bonus mobili per intero, nella sua veste attuale. La Legge di bilancio 2023, infatti, non prevede modifiche a quanto è stato già deciso: salvo novità dell’ultima ora, dal primo gennaio il plafond di spesa detraibile scenderà dagli attuali 10mila a 5mila euro.

Le persone che ancora non hanno speso per intero il tetto massimo di spesa, cioè 10mila euro, hanno tempo fino al 31 dicembre per farlo: da gennaio, infatti, la quota di spesa che non è stata utilizzata verrà persa definitivamente. Non solo: nel 2022 si chiuderà anche la possibilità di usufruire del bonus per chi ha iniziato gli interventi di recupero del patrimonio edilizio dal primo gennaio 2021. Per gli acquisti che verranno effettuati nel 2023, infatti, il bonus mobili dovrà essere agganciato a interventi iniziati a partire dal primo gennaio 2022.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui