Home CAMPANIA AIROLA: IN FIAMME 5 INTERI PREFABBRICATI

AIROLA: IN FIAMME 5 INTERI PREFABBRICATI

273
0

Hanno lavorato per tutta la notte decine di vigili del fuoco arrivati ad Airola da tutta la Campania per spegnere le fiamme divampate ieri pomeriggio all’interno dei capannoni della logistica della Sapa, industria che produce anche parti per automobili in via Sorlati. Qualche piccola colonna di fumo e intere coperture dei capannoni crollati. Appare così, purtroppo, questa mattina il complesso industriale, fiore all’occhiello dell’aria industriale di Airola e di tutta la Valle caudina.sul posto praticamente da ieri pomeriggio c’è il sindaco Vincenzo Falzarano e il suo vice Michele Napoletano. “Una tragedia economica e ambientale per tutto il Sannio” il loro commento unanime dinanzi al cancello dell’azienda dal quale entrano ed escono ancora i mezzi dei pompieri impegnati a spegnere gli ultimi focolai e a mettere in sicurezza la struttura praticamente compromessa. “Ora è il momento di fare squadra e cercare soluzioni unanimi e per il bene di tutti” hanno ancora aggiunto il sindaco Falzarano e il suo vice. 
in azione i tecnici dell’Arpac che ora dovranno monitorare e sancire i danni ambientali prodotti dalla combustione delle materie plastiche che per ore hanno sprigionato una colonna di fumo altissima che spinta dal vento ha raggiunto anche il casertano e il napoletano. Vento forte da nord che invece anche stamattina sta rendendo difficoltose le operazioni di bonifica degli ultimi focolai e sta staccando parti di copertura compromessa dal fuoco. 
Necessario l’intervento anche di un robot Dei vigili del fuoco grazie al quale si sono potuti spegnere i focolai nelle zone più compromesse così da impedire che le fiamme interessassero anche le aziende confinanti. Terminate le operazioni di spegnimento sarà il tempo dei bilanci. Sul fronte dell’inchiesta nelle prossime ore e sicuramente per tutta la giornata si susseguiranno una serie di sopralluoghi che dovranno cercare elementi utili a determinare cosa abbia provocato il maxi incendio devastante.

Qui articoli aggiornati su Economia,Politica,Imprese

Fonte: Ottopagine

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui