Home In Evidenza M5s, Crimi avvia la macchina per il voto del Comitato direttivo su...

M5s, Crimi avvia la macchina per il voto del Comitato direttivo su “SkyVote” (non su Rousseau) | L’avviso è sul nuovo blog

290
0

l capo politico del Movimento 5 Stelle, Vito Crimi, ha comunicato via mail al garante Beppe Grillo di aver avviato tutti gli adempimenti prodromici allo svolgimento delle votazioni per il Comitato direttivo. Sono state individuate modalità e tempistiche per la presentazione delle candidature, per le verifiche dei requisiti e per lo svolgimento della votazione. Si procederà al voto utilizzando lo strumento “SkyVote”.

Crimi ha quindi risposto all’ultimatum lanciato da Beppe Grillo, che ha chiesto di poter procedere alla votazione del direttorio a 5, l’ultimo atto di detronizzazione del candidato Conte alla leadership del Movimento. A sorpresa, però, il reggente M5s ha annunciato a Grillo che la votazione potrà avvenire ma non su Rousseau, come chiesto dal garante, ma su “SkyVote”, la piattaforma di voto che aveva scelto Conte dopo la migrazione dei dati degli iscritti dal sito dell’associazione di Davide Casaleggio.

L’annuncio agli iscritti è stato dato sul nuovo sito del M5s. “Cari iscritti, come richiesto dal Garante, Beppe Grillo, è indetta la votazione per il Comitato Direttivo del M5s. Nei prossimi giorni saranno pubblicate le modalità e i tempi di presentazione delle candidature attraverso la nuova piattaforma di gestione degli iscritti e le date di svolgimento delle votazioni sulla nuova piattaforma di voto”. Giovedì il Comitato di Garanzia ha modificato il regolamento: ora le candidature devono essere fatte sul nuovo blog Movimento5stelle.eu e non più sul blog delle Stelle.

L’esile speranza di una ricomposizione della frattura sembra ormai sgretolata dietro il silenzio di Luigi Di Maio, l’ex capo politico di cui entrambi i contendenti si fidano, che ha tentato ancora una volta di riportare la pace, con una visita nella casa dell’ex premier. Ma come il suo, “rimbomba” per un giorno il silenzio di tutti gli attori in campo. Fatta eccezione per il capogruppo dei 5 Stelle alla Camera che, dopo la richiesta avanzata in assemblea, si è fatto portavoce di un nuovo tentativo di mediazione.

Visto che i deputati, così come i senatori, hanno detto a chiare lettere di voler conoscere i contenuti della bozza di Statuto e della carta dei valori, Davide Crippa si è proposto per portare avanti la richiesta. E così ha chiamato Beppe Grillo e il garante si è detto disponibile. Sfatando quindi i sospetti di qualche parlamentare: “Tutto questo mistero sullo Statuto non derivera’ dal fatto Conte ha fatto firmare a Grillo una clausola di riservatezza?”.

Il capogruppo M5s proverà anche a verificare la possibilità di incontrare il garante Beppe Grillo e, separatamente, anche Giuseppe Conte. L’ex premier non si tira indietro: “Se ho un invito, volentieri. Ci mancherebbe, sono sempre a disposizione dei parlamentari”, dice a proposito dello Statuto. Ma l’operazione potrebbe comunque essere tardiva.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui